Una pianta resistente alla siccità: Il fico d’India. Il fico d’India (Opuntia ficus indica)è originario del Messico. In Italia, il fico d’India lo si trova, in particolare, sulle coste rocciose del Mezzogiorno (come pure degli altri Paesi che si affacciano sul mare Mediterraneo).

Molto spesso assolve la funzione di siepe di confine o di consolidamento di scarpate. Quelle che sembrano grandi foglie carnose e che volgarmente si chiamano «pale», botanicamente vengono definite cladodi. Il cladodio è un tratto di fusto o di ramo appiattito, di colore verde, che simula una lamina fogliare, assumendone la funzione di elaborazione mediante la fotosintesi clorofilliana(Nota 1), e mantenendo il compito di sostegno proprio del fusto. Quelle che dovrebbero essere le foglie hanno subito, a loro volta, una trasformazione in spine, assumendo una funzione di difesa passiva della pianta. La fioritura avviene in primavera, normalmente in maggio, ed i fiori sono molto belli. I frutti maturano, di norma, in autunno; raramente, in alcune varietà, a fine estate. Il frutto è una bacca, della grandezza media di un limone; la sua buccia è ricoperta di moltissime piccole, esili spine, assai fastidiose quando si maneggia il frutto. Il fico d’India può vegetare tranquillamente in terreni particolarmente difficili, sassosi, su scarpate e rocce laviche. Le sue radici tenaci riescono a disgregare la roccia e, in molti casi, contribuiscono alla conservazione del suolo, impedendone il trascinamento a valle sotto l’azione degli agenti atmosferici avversi. La sua zona tipica di coltivazione è quella degli agrumi. Il fico d’India viene coltivato in Sicilia (specie nella provincia di Catania), Sardegna, Puglia e Calabria.

(Nota 1)La fotosintesi o funzione clorofilliana non è altro che la produzione di zuccheri e di altre sostanze organiche, compiuta dalle piante che contengono clorofilla (verde), in presenza di luce, a partire dall’acqua del terreno e dall’anidride carbonica dell’aria.

 

Aggiungi commento

Se volete lasciare un commento o avete bisogno di consigli in merito a questo articolo non esitate a compilare il form.